Cono sismico
Downhole MASW Cono sismico Elenco prove

Home
Su

 

Prove downhole - crosshole con cono sismico

Utilizzando una sorgente di onde sismiche ed un ricevitore incorporati nella punta di un penetrometro si può procedere all'esecuzione di prove downhole e crosshole, senza dover eseguire perforazioni nel terreno. La procedura di prova è la stessa delle prove tradizionali, con il vantaggio però di una più rapida esecuzione. Il terreno viene eccitato arrestando la punta penetrometrica a quote predeterminate.

Per la CH SCPT si utilizzano due penetrometri, per l'infissione di due punte penetrometriche sismiche affiancate. La prima punta ha funzione di trasmettitore, la seconda di ricevitore. La punta trasmittente è simile ad una punta penetrometrica standard, con una sezione però di 15 cm2 invece di 10 cm2. L'onda sismica generata azionando un piccolo maglio posto in sommità alla batteria di aste si trasmette alla punta penetrometrica e di qui al terreno. La punta ricevente è invece un piezocono, contenente in più un geofono biassiale per il rilievo del treno di onde.

Per la DH SCPT si utilizza un solo penetrometro con due geofoni. Le onde infatti si propagano da una sorgente posta in superficie e vengono ricevute da due geofoni posti ad 1 m l'uno dall'altro sull'asta del penetrometro (true time interval): in base alla differenza di fase dei segnali ricevuti è possibile determinare la velocità delle onde S relative allo strato tra i geofoni.

Figura 1: schema dell'attrezzatura

 

Figura 2: Delta del fiume Po - Profili del modulo Go ottenuti da prove SASW e prove DH - SCPT.